Vilmart e… pazienza

“A mio parere, pochi Champagne hanno così bisogno di invecchiamento post-dégorgement nella loro gioventù come quelli di Vilmart. Fatti soprattutto da Chardonnay, senza malolattica e fermentati interamente in legno, i vini di Vilmart possono apparire estremamente chiusi e disarmonici quando sono degorgiati, e hanno bisogno di un intero anno (meglio due) per rilassarsi e integrare tutti i componenti.

Storicamente, molte persone hanno bevuto gli Champagne di Vilmart troppo presto, appena erano rilasciati. A volte, ho sentito consumatori dire che gli Champagne di Vilmart sono troppo legnosi, o che il dosaggio è troppo alto, o che sono troppo acidi. È vero che poco dopo il dégorgement, può sembrare che abbiano tutti questi difetti (anche simultaneamente). Lasciateli nella vostra cantina per qualche altro mese, allora, e cominceranno a fiorire.” – Peter Liem, Champagneguide.net, 24 maggio 2010